Le caratteristiche delle startup acquisite

Ho scritto un post per Working Capital affrontando il tema "come deve essere una startup per venire acquisita". Non voglio dire che lo scopo di una nuova impresa debba essere per forza quello di "vendersi", ma è evidente che se ti comprano significa che hai fatto un buon lavoro.

Ecco un profilo comune di startup che viene acquisita:

• ha appeal sul mercato;

• risolve un problema che chi utilizza un servizio o prodotto si trova ad avere;

• offre qualcosa di più a chi usa già un servizio o prodotto;

• ha un team di talento;

• è efficiente, ovvero ha ridotto al minimo i costi, dimostrando così di aver ben chiaro le priorità.

Proseguirei questo elenco con le qualità necessarie per una buona exit secondo Mark Johnson, capace di lanciare e vendere Zite alla CNN nel giro di sei mesi:

• aver una grande hype al lancio, il che implica dover orchestrare una presentazione tale da fare parlare di sé;

• essere in grado di mostrare subito tutto il proprio valore;

• avere una tecnologia difficile da replicare;

• avere una visione chiara dei trend in corso;

• riuscire a intervenire in modo disruptive sul mercato, suscitando l’interessante e l’astio dei vecchi leader del settore.

Superpartes vuole creare un ponte fra startup e industria

Oggi Mittel, società di investimento quotata dal 1885, ha annunciato l’ingresso al 12 per cento in Superpartes, acceleratore fondato a Brescia da Marino Piotti, Gianfausto Ferrari e Fulvio Primatesta. L’obiettivo è dare vita a nuove iniziative di venture capital nel settore della tecnologia digitale applicata al mondo industriale. Ho avuto l’opportunità di intervistare Marino, che di Superpartes è il CEO. Ecco il loro progetto e che opportunità ci sono per le startup

Read More

Blinkist audiobook: il bigino da ascoltare

Il tempo per leggere è sempre troppo poco. Per questo ti ho consigliato Blinkist e il suo servizio: bigini dei libri che vorresti leggere per lavoro e cultura personale. Non romanzi, insomma. Ieri sera ho scritto agli sviluppatori dell’app per dare un feedback e ho richiesto un’opzione “pro”, gli audiobook. Mi hanno risposto che è già nella pipeline. Dovrebbe arrivare nel terzo trimestre dell’anno.

Read More

CircleMe: questo social è antisocial, ma piace più di Facebook

Secondo i dati di Alexa gli utenti di CircleMe spendono ogni giorno circa un’ora sul social network creato in Italia dall’omonima startup. Certo, si tratta per lo più di early adopter e questo droga un po’ il risultato, ma su Facebook la gente oggi passa circa la metà del tempo. Un altro dato “sconvolgente” è che su Faccialibro le persone ci stanno sempre meno, sul non-social creato da Giuseppe D’Antonio gli utenti ci restano invece più spesso.

Read More